Come eliminare le occhiaie e le palpebre cadenti con la chirurgia

Come eliminare le occhiaie e le palpebre cadenti con la chirurgia

Blog
Home / Blog

Come eliminare le occhiaie e le palpebre cadenti con la chirurgia

Come eliminare le occhiaie e le palpebre cadenti con la chirurgia

come_eliminare_le_occhiaie_e_le_palpebre_cadenti_con_la_chirurgia

Sempre più persone, sia donne che uomini, ricorrono alla chirurgia per eliminare gli inestetismi degli occhi. Ecco i trattamenti e le operazioni più indicati per rimediare al problema.

Gli occhi fanno tanto sul viso di una persona, da un punto di vista estetico sono tra le caratteristiche più riconoscibili e apprezzate. Talvolta, però, sono proprio gli occhi a subire maggiormente fenomeni di stress e invecchiamento della pelle, che si concretizzano nelle tanto detestate occhiaie, borse e palpebre cadenti. In alcuni casi, più che di semplici inestetismi del viso, si tratta di veri e propri disagi che possono ostacolare le normali attività quotidiane, affaticando anche gli occhi. Intervenire chirurgicamente per rimuovere il problema può essere dunque una necessità, ma anche un modo per ritrovare sicurezza in se stessi e riacquistare luminosità e vigore. Scopriamo quali sono i metodi più efficaci per eliminare occhiaie, borse e palpebre cadenti.

Occhiaie, borse, palpebre cadenti: cause

Le occhiaie sono quei famosi cerchi neri intorno agli occhi che rendono lo sguardo più spento e l’aspetto decisamente poco salutare. Le cause principali sono da ricondurre a un’eccessiva pigmentazione della pelle sottostante gli occhi, che provoca lievi lesioni del derma. Altra causa è l’emostasi, ossia un lieve blocco circolatorio provocato da stress e stanchezza, che mette in evidenza i vasi sanguigni, ben visibili sotto uno strato di pelle molto sottile. Non ultimo è l’invecchiamento della pelle, che porta ad un assottigliamento degli strati cutanei dovuti anche ad un’intensiva esposizione ai raggi UV. Le borse, invece, si presentano come rigonfiamenti della parte inferiore dell’occhio, dovuti all’aumento del grasso orbitale che circonda l’occhio. Questo tessuto adiposo serve a proteggere dagli urti, ma uno stile di vita sregolato e un’eccessiva stanchezza accumulata, portano al cosiddetto edema, ossia alla perdita di elasticità dei vasi sanguigni con conseguente raccolta di siero e acqua tra le cellule. L’infiammazione può però diventare cronica, portando alla formazione di borse permanenti. La blefaroptosi, comunemente nota come “palpebre cadenti” è dovuta a una perdita d’elasticità dei muscoli che permettono di alzare le palpebre, provocando i fenomeno cadente. La causa principale è l’invecchiamento con annesso il rilassamento dei tessuti, ma può essere anche dovuta a traumi o patologie muscolari, che si manifestano con una perdita di elasticità dei tessuti.

Occhiaie, borse, palpebre cadenti: rimediare con la chirurgia

Se in alcuni casi i problemi sopraindicati possono risolversi con uno stile di vita più corretto, il riposo o un buon correttore, ma per rimuoverli definitivamente occorre l’intervento di uno specialista. Per rimuovere le occhiaie la medicina estetica propone diverse efficaci soluzioni: il filler di collagene può agire direttamente sull’affossamento degli occhi, inducendo la rigenerazione dei tessuti, in alternativa si può ricorrere al botox che serve più che altro a ringiovanire uno sguardo ormai spento. Più incisivo è l’intervento al laser, utilizzato però a bassa intensità, un metodo che consente di drenare le occhiaie senza troppi danni. Per quanto riguarda borse e palpebre cadenti, invece, si può ricorrere alla blefaroplastica, effettuata con laser pulsato CO2. L’intervento si esegue con anestesia locale, non lascia segni o cicatrici e consente di riprendere le normali attività del paziente anche nel corso della giornata dell’intervento. Ciascun tipo di operazione si svolge in modo mirato e strutturato in base all’anatomia del paziente, in zone circoscritte per evitare danni e conseguenze evidenti che possano minare la fisionomia del volto. L’intervento è cosiddetto “invisibile”, dato che le suture si fanno sempre coincidere con le naturali pieghe dell’occhio.

©2014 Centro Keiron del Dott. Giuseppe Scalera - privacy - Partita IVA 06138250631