Epilazione definitiva: tutto quello che c’è da sapere

Epilazione definitiva: tutto quello che c’è da sapere

Blog
Home / Blog

Epilazione definitiva: tutto quello che c’è da sapere

Epilazione definitiva: tutto quello che c’è da sapere

epilazione_definitiva__tutto_quello_che_c’è_da_sapere

Eliminare definitivamente i peli superflui è talvolta una vera necessità, sia per uomini che per donne. Scopriamo i metodi e le tecnologie più adeguate per ottenere i risultati sperati.

Le richieste per interventi di epilazione definitiva sono in costante aumento, una pelle liscia e morbida al tatto, infatti, è una necessità assai diffusa, tra uomini e donne. Spesso, però, si può cadere in confusione nella scelta delle tecniche più adeguate, per questo è opportuno fare chiarezza sui metodi più adeguati a ciascun individuo. Per prima cosa è importante distinguere il significato dei due termini più diffusi per indicare la rimozione di peli in eccesso, ossia depilazione ed epilazione. La depilazione consiste nella rimozione del solo fusto del pelo, la parte che emerge sulla superficie della pelle. È una tecnica sicuramente meno duratura rispetto all’epilazione che, invece, prevede la rimozione del pelo a partire dal follicolo. I risultati dell’epilazione sono piuttosto duraturi, permanenti se si procede con tecniche specifiche.

Epilazione definitiva: i metodi

L’epilazione definitiva provvede a rimuovere in modo permanente i peli, che fanno parte del complesso polisebaceo. Sono costituiti da fusto, che è, per l’appunto, la parte più esterna e visibile, e follicolo, la radice. Il corpo umano è generalmente ricoperto di peli sottili e morbidi al tatto, fatta eccezione per alcune zone quali genitali, ascelle e zona pelvica, dove i peli si presentano più folti e robusti.  I metodi più efficaci e sicuri per eliminare definitivamente i peli superflui sono il Laser e la Luce Pulsata, che in entrambi i casi sfruttano l’energia di una fonte luminosa in grado di agire su una specifica zona della pelle.

Laser. È un sistema più rodato e consolidato, dato che fino a pochi decenni fa soltanto la luce emessa dal laser era in grado di raggiungere i follicoli ed eliminare il pelo. I tipi di laser più diffusi sono il Laser Nd-yag (1064nm), il Laser ad alessandrite (755nm) e Laser a diodi (800-810nm). Non è possibile definire con precisione quale di queste tipologie sia più efficace, molto dipende dal tipo di pelle trattata: il laser ad Alessandrite, ad esempio, è molto efficace per i peli più chiari, essendo affine alla melanina del pelo, mentre il laser Nd-Yag è efficace anche per i soggetti con pelle scura. Il diodo, invece, è efficace per tutti i tipi di pelle, ma riduce i risultati su porzioni di pelle poco estese.

Luce pulsata. La tecnica della Luce Pulsata, invece, è stata inventata all’inizio degli anni ’90 e consiste nello sfruttamento del calore generato da un fascio di luce policromatica intermittente, emessa tramite Flash, una speciale lampada alla quale sono applicati anche dei filtri. La luce agisce sulla melanina del pelo, il cui aumento di temperatura arriva direttamente al bulbo, portandolo alla necrosi. I trattamenti di luce pulsata vanno ripetuti più volte per assicurare un’eliminazione permanente dei peli: dopo il primo ciclo di trattamento, alcuni peli inizieranno già a cadere da soli, per poi ricrescere più sottili e deboli. Ai trattamenti successivi, invece, i risultati saranno già evidenti, con annesse risoluzioni dei problemi cutanei più evidenti.

I trattamenti sono indicati per diverse zone del corpo, anche per quelle più delicate, come il viso, soprattutto per le donne che desiderano eliminare la peluria in eccesso. A seconda della sensibilità  parte da sottoporre a epilazione, inoltre, il trattamento può essere più o meno fastidioso, ma mai doloroso quanto la famigerata ceretta: viso, inguine e ascelle sono le zone più sensibili alle quali prestare maggiore attenzione.

Epilazione definitiva: chi può farla?

Generalmente i soggetti più indicati ai trattamenti di epilazione definitiva sono quelli dotati di pelle chiara e peli scuri, piuttosto grossi: in questo modo la potenza della luce, sia laser che luce pulsata, agisce direttamente sul pelo senza riscaldare troppo la pelle, provocando irritazioni. È consigliabile evitare questi trattamenti se i soggetti presentano pelle danneggiata da patologie o cicatrici, malattie o pelle troppo scura.

©2014 Centro Keiron del Dott. Giuseppe Scalera - privacy - Partita IVA 06138250631